venerdì 4 luglio 2014

VINITALY: SOSTENIBILITÀ E DESIGN CON IL PALLET RICICLATO


Uno stand sostenibile, verde, interamente in legno, in gran parte ricavato dal riutilizzo creativo dei pallet: ecco il biglietto da visita con cui Tasca D'Al­merita, una delle principali aziende siciliane del vino, si è presentata all'edizione appena trascorsa di Vinitaly. Funzionale, simbolicamente ineccepibile e di grande impatto in quanto a design, l'ecostand della cantina dimostra senza mezzi ter­mini la vocazione 'verde' imboccata da Tasca d'Almerita in questi anni, diretta verso un'enologia consapevole e sostenibile, nel pieno rispetto della secolare sto­ria della famiglia, ambasciatrice nel mondo del Made Of Sicily.


"Nel Dna di Tasca d'Almerita c'è la convinzione che sia compito di ogni pro­duttore non solo fare del buon vino, ma farlo con il minore impatto possibile sul nostro fragile ecosistema, in modo da proteggere e arricchire la terra, il pa­norama, la flora e la fauna locali, chi lavora e infine chi consuma il vino", dice il CEO dell'azienda siciliana. Con una storia cominciata 200 anni fa Tasca d'Almerita coltiva oggi quasi 600 ettari di vigneto e ne valorizza il frutto distribuendolo nei quattro continenti e valorizzando ognuna delle cinque tenute dell'azienda. La storica Regaleali, Capofaro alle Isole Eolie, la Tenuta Whitaker a Marsala, Tascante alle pendici dell'Etna e la Tenuta Sallier de La Tour nella Doc di Monreale . Da ognuna di queste escono ogni anno grandi vini che hanno contri­buito a diffondere l'immagine della Sicilia e dell'Italia nel Mondo.

Quella insomma di presentarsi a Vini­taly con lo stand interamente in legno e l'utilizzo di un gran numero di pallet riciclati diventa una 'vetrina' della sostenibilità, una sorta di invito rivol­to al mondo del vino ad avvicinarsi a un più generale approccio ecocompa­tibile in agricoltura.



Fonte: Imballaggi & Riciclo